Permangono invece forti dubbi sulla datazione; la data finora accettata, 1512, è infatti contestata da alcuni che vorrebbero spostarlo ad anni successivi, dopo il 1515 o addirittura il 1517.
Fu proprio Leonardo che durante dei lavori di canalizzazione delle acque, suggerì Vigevano come città ideale per ospitare il Duca di Milano.
In questo museo è conservata una delle sue opere più famose,.Pioggia, vapore e velocità è appunto il titolo dellopera del 1844 dove, su quello che sembra un viadotto, sta passando un treno in corsa, il mezzo simbolo di questepoca.Il paesaggio è quello tipico leonardesco, che fa da sfondo anche al ritratto sconti legge 104 nissan della Gioconda.Certa durezza nel trattare il chiaroscuro fa supporre che sia stata terminata da un allievo, forse taglio capelli medi jean louis david il Boltraffio.La Lomellina, ovvero la zona compresa tra i fiumi Sesia, Po e Ticino, è stata il granaio del ducato di Milano.Della quale si celebra una sagra ad inizio giugno.Contrariamente a molti altri vida de leonardo da vinci y obras san Giovanni magri e sofferenti, quello di Leonardo è florido e sorridente.Olevano, collocata al centro di questarea dedita alla coltivazione di mais, grano e riso, accoglie un museo dedicato allagricoltura.SantAnna, che col braccio sinistro appena abbozzato, indica il cielo.Fin dai primi del Cinquecento le fonti ricordano che il giovane Leonardo eseguì langelo sulla sinistra, più recente è lattribuzione all artista del paesaggio sullo sfondo.



Interno della National Gallery, fonte: Pinterest.
Per lungo tempo il dipinto è stato ritenuto perduto ed era conosciuto solo attraverso delle varianti di scuola lombarda, che confermano che il dipinto fu realizzato dal maestro durante il soggiorno milanese.
La torre del Bramante domina la piazza con i suoi 56 metri di altezza.
La Gioconda 1506/1516, Museo del Louvre, Parigi, la Gioconda è forse il quadro più celebre di tutti i tempi, e certamente è il più famoso del Rinascimento.
Tre parole che descrivono a pieno la pittura di William Turner, contemporaneo dellartista inglese precedente.Importante per questo artista è la resa del movimento dicevamo, data dalle forme vaghe e allassenza di dettagli del dipinto.Un rapporto questo, tra uomo e natura, che ha costituito forse la cifra più importante dellopera di Leonardo in tutti i campi, anche in quelli tecnico-scientifici.Laspetto più notevole del quadro è dato dagli occhi del giovane, quasi vitrei e fissi fuori campo.Al pieno Rinascimento invece appartiene il cartone preparatorio.Nei dintorni di Vigevano, ricca di storia, di fascino e di chiese, merita una visita, anche in giornata, la città.La grande maggioranza dei critici è però propensa a ritenerlo effettivamente lautoritratto di Leonardo, forse leggermente idealizzato rispetto alla realtà.Questo ritratto rappresenta la dama fiorentina Ginevra Benci, nota nella cerchia medicea per le sue poesia.Presente come in molte altre opere di Leonardo uno sfondo montuoso e vaporoso che si lega mirabilmente alla scena in primo piano.Duomo, una chiesa barocca votata a SantAmbrogio.


[L_RANDNUM-10-999]